fbpx

Lavoro in nero a Roma

Il lavoro in nero, altresì detto “lavoro irregolare o sommerso”, è quella pratica con cui il datore di lavoro impiega il lavoratore subordinato senza aver comunicato l’assunzione al Centro per l’Impiego; ne deriva, tra le altre, il mancato pagamento dei contributi dovuti all’INPS e all’INAIL.

Cos’è il lavoro in nero

Dopo aver stipulato il contratto di lavoro con il dipendente, il datore deve darne comunicazione entro le 24 ore che precedono l’inizio del rapporto di lavoro, agli enti preposti. In caso contrario, anche se il lavoro inizia, lo Stato non è a conoscenza che quel dipendente sta svolgendo mansioni per l’azienda e di conseguenza si classifica come lavoro sommerso.

Sanzioni per il lavoro in nero

Il lavoro in nero prevede delle maxi sanzioni e più precisamente, per ogni lavoratore:

  • Fino a 30 gg. di lavoro nero da € 1.500 (+300 di magg.) a € 9.000 (+1.800 di magg.);
  • Da 31 a 60 gg. di lavoro nero da € 3.000 (+600 di magg.) a € 18.000 (+3.600 di magg.);
  • Oltre 60 gg. di lavoro nero da da € 6.000 (+1.200 di magg.) a € 36.000 (+7.200 di magg.)

L’importo va poi aumentato, a partire dall’1.1.2019, del 20% nell’ipotesi in cui il lavoratore impiegato è un extracomunitario senza regolare permesso di soggiorno o un minore in età non lavorativa.

Sanzioni per il datore di lavoro

E’ però prevista una procedura premiale; è infatti obbligatoria la diffida del datore di lavoro che, in caso di regolarizzazione del lavoratore, comporta il pagamento della sanzione nella misura minima.

Denunziare il lavoro in nero

Come denunciare il lavoro in nero? Una volta scoperto che sta lavorando in nero, il lavoratore ha diverse possibilità:

  • può denunciare l’irregolarità all’Ispettorato territoriale del lavoro di competenza, di persona o a mezzo PEC o raccomandata, allegando documenti probatori e testimonianze;
  • denunciare alla Guardia di Finanza, compilando un apposito documento che contiene i dati del lavoratore, il luogo in cui lavora e le prove delle irregolarità;
    oppure può rivolgersi al proprio sindacato di categoria, il quale avvierà un tentativo di conciliazione col datore accusato, che se avrà esito negativo, sfocerà nella denuncia al Giudice del Lavoro

Sanzioni per il lavoratore

Anche per il lavoratore sono previste delle sanzioni se ad esempio si accorda con il datore per lavorare in nero e percepire altri redditi; potrebbe infatti subire la revoca della disoccupazione e l’obbligo di restituzione di eventuali arretrati, più le eventuali conseguenze penali per una truffa nei confronti dell’INPS.

Se sei una vittima del lavoro in nero, contatta senza impegno, via mail o telefonicamente, lo Studio Legale Flaminio; specializzati nella difesa dei lavoratori, ti aiuteremo a far valere i tuoi diritti.

Lavoro in nero a Roma – Avvocato del Lavoro Roma

Contattaci per un preventivo gratuito

Affidati a noi, i nostri esperti sono sempre a tua disposizione

Dicono di noi

Perché scegliere noi

Avvocato diritto del lavoro a Roma

Nato alla fine degli anni 80, lo Studio Legale Flaminio si è specializzato nella difesa dei dipendenti dagli abusi del datore di lavoro, facendo del diritto del lavoro il proprio core business; l’ampia casistica affrontata, ha permesso allo Studio di conoscere nello specifico tutti gli aspetti rilevanti della materia, così da garantire al cliente un servizio altamente qualificato.

Esperti in diritto del lavoro

Nato alla fine degli anni 80, lo Studio Legale Flaminio si è specializzato nella difesa dei dipendenti dagli abusi del datore di lavoro, facendo del diritto del lavoro il proprio core business; l’ampia casistica affrontata, ha permesso allo Studio di conoscere nello specifico tutti gli aspetti rilevanti della materia, così da garantire al cliente un servizio altamente qualificato.

Lo Studio Legale Flaminio opera a Roma e Bologna

Con una consolidata esperienza in materia, i legali esperti dello Studio si occupano, nello specifico, di assistere e tutelare i propri clienti in ogni fase e aspetto del rapporto di lavoro, con particolare attenzione, tra gli altri, ai casi di licenziamento, mobbing, trasferimento, lavoro in nero e sanzioni disciplinari. Ulteriori ambiti di intervento riguardano i casi di contratti di apprendistato o part -time fittizi, di mancato rinnovo di contratti a tempo determinato o di riconoscimento delle mansioni superiori svolte dal dipendente.

Contattaci per un preventivo gratuito

Affidati a noi, i nostri esperti sono sempre a tua disposizione
Consulenza avvocato del lavoro

Mettiti in contatto con noi per una consulenza

Vieni a trovarci

Piazza di Pietra, 44 - Roma
Avvocato lavoro Roma
  • Piazza di Pietra, 44 - 00186 Roma
Tel. +39 06 8716 5280
info@avvocatolavororoma.it